Home

Sostenibilità ambientale al centro di istruzione e...

La Commissione ha pubblicato una proposta di raccomandazione del Consiglio sull'apprendimento per la sostenibilità ambientale. L'obiettivo della proposta è aiutare gli Stati membri, le scuole, gli istituti di istruzione superiore, le organizzazioni non governative e tutti gli erogatori di istruzione a fornire ai discenti conoscenze e competenze sulla sostenibilità, sui cambiamenti climatici e sull'ambiente. Un nuovo quadro europeo delle competenze in materia di sostenibilità pubblicato dal Centro comune di ricerca delinea le competenze necessarie per la transizione verde, tra cui il pensiero critico, l'adozione di iniziative, il rispetto della natura e la comprensione dell'impatto di azioni e decisioni quotidiane sull'ambiente e sul clima planetario.

La proposta della Commissione invita gli Stati membri a:

  • offrire ai discenti di tutte le età l'accesso a un'istruzione e una formazione inclusive e di elevata qualità sui cambiamenti climatici, sulla biodiversità e sulla sostenibilità;
  • definire l'apprendimento per la sostenibilità ambientale come settore prioritario nelle politiche e nei programmi di istruzione e formazione al fine di sostenere e consentire il contributo del settore alla transizione verde;
  • incoraggiare e sostenere gli approcci alla sostenibilità che si estendono a tutte le attività di un istituto, in termini di insegnamento e apprendimento; sviluppo di visione, pianificazione e governance; partecipazione attiva di studenti e personale; gestione degli edifici e delle risorse e partenariati con comunità locali e comunità più ampie;
  • mobilitare fondi nazionali e dell'UE per investimenti in infrastrutture, formazioni, strumenti e risorse sostenibili e verdi per aumentare la resilienza e la preparazione dell'istruzione e della formazione alla transizione verde.

Alla domanda di un'indagine Eurobarometro su quali dovrebbero essere le principali priorità dell'UE nei prossimi anni la prima risposta dei giovani è stata la protezione dell'ambiente e la lotta contro i cambiamenti climatici (67 %), seguita dal miglioramento dell'istruzione e della formazione (56 %). Ciò dimostra come sia importante agire.

Anche il programma Erasmus+ 2021-2027 pone un forte accento sulla transizione verde nell'istruzione e nella formazione. Per il programma di lavoro annuale 2022 sarà data priorità ai progetti che sviluppano competenze e abilità verdi, programmi di studio orientati al futuro e approcci pianificati alla sostenibilità da parte degli erogatori di istruzione. Un invito specifico a presentare progetti su vasta scala fornirà finanziamenti per individuare, sviluppare e sperimentare approcci innovativi all'educazione alla sostenibilità ambientale. La Commissione offrirà inoltre opportunità di formazione e comunità di pratica agli educatori attraverso la piattaforma School Education Gateway e eTwinning. Il nuovo portale dello Spazio europeo dell'istruzione della Commissione consente un facile accesso alle informazioni sull'istruzione e sulla formazione nell'UE, comprese informazioni specifiche sull'istruzione verde.

La proposta della Commissione sarà discussa dagli Stati membri e in seguito adottata dai ministri dell'istruzione dell'UE. La Commissione sosterrà l'attuazione della raccomandazione attraverso l'apprendimento e gli scambi tra gli Stati membri, le parti interessate e i paesi partner.

 

 

Europa creativa: nel 2022 aumenterà il bilancio a...

Ieri la Commissione ha adottato il programma di lavoro 2022 di Europa creativa, cui seguirà la pubblicazione dei relativi inviti a presentare proposte. Con una dotazione di circa 385 milioni di €, quasi 100 milioni di € in più rispetto al 2021, Europa creativa rafforza il suo sostegno ai partner dei settori culturali e creativi tenendo conto delle sfide derivanti dalla crisi COVID-19 e dalla crescente concorrenza a livello mondiale.

La sezione Cultura del programma comprenderà nuovi bandi e iniziative per i settori della musica, del patrimonio culturale, delle arti dello spettacolo e della letteratura. Sarà inoltre varato un programma di mobilità che offrirà ad artisti, creatori o professionisti della cultura l'opportunità di recarsi all'estero per il proprio sviluppo professionale o per collaborazioni internazionali e di raggiungere nuovi pubblici, coprodurre, creare insieme o presentare il loro lavoro.

La sezione MEDIA si concentra sul settore audiovisivo e nel 2022 saranno introdotte diverse novità. Sarà finanziato il sostegno allo sviluppo di videogiochi innovativi ed esperienze di realtà virtuale. Una nuova azione, "MEDIA 360º", sarà rivolta ai forum industriali di punta che interagiscono con le imprese lungo tutta la catena del valore del settore audiovisivo. Per promuovere ulteriormente l'innovazione sarà lanciato il portale di mercato MEDIA per le start-up promettenti. La collaborazione tra i festival cinematografici verrà rafforzata attraverso le reti.

Infine, la sezione Transettoriale aumenterà i finanziamenti al Laboratorio per l'innovazione creativa per i progetti comuni di innovazione che coinvolgono diversi settori creativi, contribuendo anche al nuovo Bauhaus europeo. Sarà inoltre ampliato il sostegno ai mezzi di informazione mediante ulteriori misure volte a promuovere la libertà dei media.

Europa creativa affronterà anche questioni fondamentali che interessano i settori culturali e creativi. I progetti finanziati da MEDIA dovranno attuare strategie ecologiche e per la diversità, compreso l'equilibrio di genere. Europa creativa darà pertanto un contributo significativo alle priorità politiche della Commissione in materia di sostenibilità e inclusione. Il programma comprenderà iniziative riguardanti altre priorità dell'UE, quali il contributo alla strategia dell'UE volta a combattere l'antisemitismo e a sostenere la vita ebraica e l'Anno europeo dei giovani.

 

 

 

“Onesti nello Sport”: concorso nazionale per le scuole

“Onesti nello Sport” è il concorso nazionale, che si svolge ogni anno a partire dal 2012, rivolto alle studentesse e agli studenti degli Istituti di II grado. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Giulio Onesti e dal CONI, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e l’Istituto per il Credito Sportivo e con il supporto del Comitato Olimpico Internazionale. 

Il concorso ha l’obiettivo di diffondere la cultura della legalità in ambito sportivo, educando i giovani a una cittadinanza attiva e al rispetto delle regole, combattendo ogni forma di violenza e di discriminazione e valorizzando l’importanza dello sport come strumento d’inclusione e coesione sociale. 

Per ogni edizione viene proposta una tematica differente, da sviluppare secondo due categorie: il settore video-musicale, che prevede la produzione di un brano musicale e di un video originale della durata massima di 3 minuti, e il settore storiescon la produzione di un breve video della durata massima di un minuto.

L’edizione 2022 concentra l’attenzione sul tema dell’importanza dello sport nel contrasto al bullismo in tutte le sue forme, incluse quelle che si manifestano attraverso le piattaforme digitali. 

La selezione dei video ricevuti si articola in due fasi: una votazione online, attraverso i canali social della Fondazione, alla quale segue la valutazione da parte di una commissione composta da rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e della Fondazione stessa. 

È previsto un premio speciale per le due squadre vincitrici (12 studenti e due docenti accompagnatori): la possibilità di assistere all’evento più importante dell’anno in campo acquatico, la 36esima edizione dei Campionati Europei di Nuoto, che si svolgerà a Roma dall’11 al 21 agosto 2022. 

Gli studenti, i gruppi di studenti o le classi che intendano partecipare al concorso, dovranno obbligatoriamente, effettuare la registrazione online entro il 31 marzo 2022, sul sito della Fondazione Giulio Onesti, www.fondazionegiulioonesti.it.

Gli studenti potranno in seguito inviare il loro elaborato, entro il 6 maggio 2022.

 

 

Online il nuovo portale dell'Anno europeo dei...

Il nuovo portale dell'Anno europeo dei giovani è finalmente online!

Oltre a trovare informazioni sull'iniziativa dell'Anno europeo dei giovani 2022 e su come l'UE intende mantenere gli impegni e sostenere la gioventù in Europa, sul portale è anche possibile consultare la mappa interattiva delle attività e degli eventi connessi all'Anno europeo dei giovani in tutta Europa.

Nella sezione Notizie è possibile trovare le ultime informazioni sui giovani, mentre nella sezione Voci di giovani europei si può scoprire ciò che hanno da dire i giovani giornalisti europei, trarre ispirazione da giovani di tutta Europa, leggere le loro opinioni e le loro speranze per il futuro.
Sarà presto lanciata anche una sezione dedicata alle politiche per i giovani, dove saranno raccolte tutte le politiche già esistenti o nuove, per capire meglio cosa fa l'Europa per i giovani.

Le attività e i contenuti delle pagine dedicate all'Anno europeo dei giovani continueranno a moltiplicarsi nel corso dell'anno.