Home

Vertice mondiale sull'istruzione: Team Europa...

In occasione del vertice mondiale sull'istruzione tenutosi il 28-29 luglio a Londra, l'Unione europea e i suoi Stati membri, in qualità di Team Europa, hanno promesso 1,7 miliardi di € al partenariato globale per l'istruzione per contribuire a trasformare i sistemi di istruzione per più di un miliardo di ragazze e ragazzi in 90 paesi e territori. È il maggior contributo al partenariato globale per l'istruzione. A giugno l'UE aveva già annunciato l'impegno di 700 milioni di € per il periodo 2021-2027.

Il sostegno dell'UE all'istruzione è incentrato sulla qualità, l'uguaglianza, l'equità, e la corrispondenza tra competenze e posti di lavoro. Ciò significa in particolare:
-Investire in insegnanti ben formati e motivati che possano dotare i bambini della giusta combinazione di competenze necessarie nel XXI secolo. Si dovranno assumere entro il 2030 almeno 69 milioni di nuovi insegnanti per l'istruzione primaria e secondaria, di cui oltre 17 milioni in Africa.
-Investire nella parità e, in particolare, promuovere l'istruzione delle ragazze e sfruttare il potenziale delle innovazioni digitali. Istruire e responsabilizzare le ragazze è un aspetto fondamentale del piano d'azione dell'UE sulla parità di genere III, che mira a frenare l'aumento delle disuguaglianze nel contesto della pandemia e ad accelerare i progressi in materia di parità di genere ed emancipazione femminile.
-Investire nelle competenze per il futuro, preparare i futuri professionisti, imprenditori e decisori politici alla trasformazione verde e digitale.

Il vertice mondiale sull'istruzione è una conferenza di ricostituzione delle risorse del partenariato globale per l'istruzione, l'unico che riunisce rappresentanti di tutti i gruppi di portatori di interessi nel settore dell'istruzione, compresi i paesi partner, i donatori, le organizzazioni internazionali, i gruppi della società civile, le fondazioni e il settore privato.

Il partenariato globale per l'istruzione, ospitato dalla Banca mondiale, fornisce sostegno finanziario ai paesi a basso e medio reddito, in particolare quelli con un elevato numero di bambini che non frequentano la scuola e notevoli disparità di genere. La maggior parte dei finanziamenti è destinata all'Africa subsahariana.

 

Talent on the Move: ascoltare i bambini e i giovani...

I giovani in movimento attraverso i continenti rappresentano un bacino unico, ma in gran parte non sfruttato, di talento, idee e imprenditorialità. Spesso resilienti, altamente motivati e con esperienza nel superare le avversità, i giovani migranti e sfollati hanno il potenziale per aiutare a risolvere alcune delle nostre più grandi sfide. Eppure, mentre il talento è universale, per molti le opportunità sono difficili da trovare.

In questo rapporto dell’UNICEF si chiede a 26.000 giovani le loro aspirazioni di imparare e guadagnare, e gli ostacoli che devono affrontare, come ragazza/o, o come rifugiata/o, cercando di accedere al mercato del lavoro con o senza status legale.

La pubblicazione fa luce sul potenziale dei giovani in movimento di essere artefici del cambiamento, imprenditori e innovatori - trasformando le loro comunità ed economie.

Invita inoltre i leader mondiali e i responsabili politici ad aumentare il riconoscimento e l'investimento nei talenti e nel potenziale dei giovani in movimento, anche attraverso la creazione di soluzioni di apprendimento con e per i giovani.

 

 

M100 Young European Journalists Workshop 2021

M100 Young European Journalist Workshop fa parte della conferenza internazionale annuale sui media M100 Sanssouci Colloquium. Offre ai giovani giornalisti l'opportunità di partecipare a workshop incentrati sul tema "Reporting in Crises and the Crisis in Reporting" tra il 10 settembre e il 2 ottobre 2021.

I partecipanti devono essere appassionati del loro ruolo nel processo democratico e avere un interesse attivo per il futuro dei media, del giornalismo e della democrazia.
A causa della situazione di COVID, il seminario sarà condotto come un evento decentrato e online nel corso di sei settimane.

Il seminario si svolgerà online tra il 10 settembre e il 2 ottobre in tre moduli. 
Modulo I: Iniziare il viaggio: Delineare sfide e obiettivi comuni
- 10 settembre 2021 (14:00-17:00 CET) - 11 settembre 2021 (10:00-15:00 CET)
Modulo II: Come ci arriviamo? Un'agenda per la resilienza nel giornalismo
- 17 settembre 2021 - 18 settembre 2021 (10:00-15:00 CET)
Modulo III: E ora? Trasferire le nostre conoscenze & "Masterpiece"
- 1 ottobre 2021 (10:00-15:00 CET) - 2 ottobre 2021 (10:00-15:00 CET)
I partecipanti possono partecipare al M100 Sanssouci Colloquium, che si terrà online il 6 ottobre sul tema "Dalla crisi in perpetuo alla resilienza democratica".

Chi può partecipare
Giovani giornalisti, blogger o studiosi, di età compresa tra i 18 e i 26 anni provenienti dall'Europa, dai paesi del partenariato orientale (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina) e dalla Russia.

Come candidarsi
I candidati devono scrivere un breve saggio in inglese (5.000 lettere al massimo) sul giornalismo e il Covid-19 nel loro paese. Sono liberi di concentrarsi sia sulla copertura mediatica della pandemia che sull'impatto di quest'ultima sul giornalismo in generale.
I candidati devono anche includere un breve CV e inviarlo in un PDF (non più grande di 2 MB).
Le domande devono essere inviate alla signora Sabine Sasse: application@m100potsdam.org.
La partecipazione è gratuita. Il workshop si terrà in inglese.

Scadenza: 23 agosto 2021.

 

Relazione finale della Conferenza portoghese della...

Con il motto "Europe for YOUth – YOUth for Europe: Space for Democracy and Participation", la Conferenza della gioventù dell'UE ospitata dalla Presidenza portoghese del Consiglio dell'UE si è concentrata sull'obiettivo giovanile n. 9 "Spazio e partecipazione per tutti".

Il suo risultato principale è un Toolbox di azioni, misure e raccomandazioni politiche per aiutare a raggiungere l'obiettivo europeo per i giovani #9 e i suoi 7 obiettivi.

Scritto sotto gli auspici del Consiglio Nazionale della Gioventù portoghese, contiene materiale per iniziare a promuovere politiche giovanili e progetti che riflettono le opinioni dei giovani europei sull'Obiettivo Gioventù #9. 

Tra le iniziative presentate come ispirazione, gli Eurodesk Euroclasses sono menzionati come un'importante iniziativa da integrare in tutti i paesi. I partecipanti hanno proposto di incoraggiare ulteriormente i partenariati tra le associazioni giovanili, le ONG e i centri di informazione per i giovani come potenziali moltiplicatori di Eurodesk per espandere l'attuazione delle Euroclasses in tutti i paesi membri, in particolare nelle scuole. Così facendo, i metodi di apprendimento non formale entrerebbero, così come la società civile, nelle scuole riuscendo a riunire dunque gli attori attivi nella promozione della cittadinanza, della consapevolezza europea e dell'istruzione.